Un turco napoletano

Descrizione

La commedia è stata scritta nel 1888 da Eduardo Scarpetta (1853-1925) padre naturale del grande Eduardo DeFilippo. Scarpetta cominciò ad avvicinarsi al teatro all’età di quindici anni e visse nel teatro e per il teatro. Egli scrisse per far ridere ad ogni costo, senza considerare le mediazioni di pensiero che invece saranno fondamentali nella comicità delle opere di Eduardo. Per Scarpetta il teatro costituisce un’evasione ai meccanismi della routine del quotidiano che creano solo disillusione. Il suo personaggio principale che troviamo in tante sue commedie è Felice Sciosciammocca (che in dialetto napoletano indica colui che sta a bocca aperta), maschera che sarà considerata dalla critica l’antagonista di Pulcinella. Sciosciammocca affiancherà la celebre maschera di Pulcinella nelle varie disavventure che li vedranno protagonisti. Fra le due maschere, però, ci sono notevolissime differenze; basti pensare che ognuna vive e agisce in un proprio e determinato contesto storico–sociale. Pulcinella è portavoce del popolino napoletano, mentre Sciosciammocca è il rappresentante della classe media-borghese di Napoli, quindi hanno una personalità e una gestualità totalmente diverse: Pulcinella, figlio della commedia dell'arte, ha una gestualità forte, immensa, egocentrica, invece il personaggio Sciosciammocca ha un temperamento più moderato, una gestualità più controllata.

Scarpetta rivendicava la paternità di questo personaggio con fierezza, tanto da dichiarare spesso “Io so’ Sciosciammocca!”

La regia si è ispirata alla figura di Sciosciammocca portata sul grande schermo dall’impareggiabile Totò che nel 1953 la interpretò nel primo film della trilogia ispirata a Scarpetta (Un Turco Napoletano, Miseria e Nobiltà e Il medico dei pazzi)

Il ricco commerciante Don Pasquale Catone è terrorizzato dall'idea che sua moglie possa venire anche solo in contatto con altri uomini.
Un amico Onorevole però ha in tasca la soluzione del problema. Gli consiglia di assumere un tuttofare di sua conoscenza, un eunuco Turco.

Accade però nel frattempo che Felice Sciosciammocca , evaso di prigione insieme al compare Faina, riesca ad intercettare l'orientale, a sostituirsi a lui ed entrare in casa di Don Pasquale sotto mentite spoglie. La classica commedia degli equivoci che porta ad un susseguirsi di situazioni esilaranti per le quali, alla fine, si arriverà alla scoperta della vera identità del Turco Napoletano.


Personaggi e interpreti :

Don Pasquale Catone Alberto:
Latta/Gianluca Dattolo;
Don Ignazio:
Antonio Marroni/Domenico Veraldi;
Don Felice:
Enzo Rapisarda;
Don Peppino:
Giulio Guarino/Marco Vallarino;
Errico (ladro Faina):
Gianluca Dattolo/Matteo Labruna;
Michele:
Leonardo Delfanti/Maurizio Baschirotto;
Carluccio:
Mario Santagati/Gianluca Dattolo/Marco Vallarino/Antonio Marroni;
Giulietta:
Rita Vivaldi/Annamaria Rossi;
Angelica:
Francesca Spezie/Annamaria Rossi;
Lisetta:
Lucy Notorio/Serena Filippini;
Concettella:
Maria Gagliano/Lucy Notorio;
Annina:
Anna Rapisarda;
Mariuccia:
Stella Rapisarda;
Deputato:
Moreno Pasqualin/Giulio Guarino;
Lulù:
Ivana Faresin/Maria Bicego/Pina Campagnolo/Elena Brizzolari;
La Guardia:
Giulio Guarino;
Il Sarto:
Mario Santagati/ Gianluca Dattolo/Marco Vallarino/Antonio Marroni;
Il Turco:
Sergiu Petic/Maurizio Baschirotto/Leonardo Delfanti;
Primo Suonatore:
Maurizio Baschirotto/Leonardo Delfanti;
Secondo Suonatore:
Sergio Petic/Giulio Guarino/Marco Vallarino;

Staff :

Direttore di Scena:
Sergiu Petric;
Scenografia:
Laboratorio N.C.T.
Direzione luci e suono:
Marin Bulmez
Costumi:
Laboratorio N.C.T.
Regia:
Enzo Rapisarda
Produzione e messa in scena:
Nuova Compagnia Teatrale

Torna su