I cuori pensanti della Shoah

Descrizione

Con questo spettacolo intendiamo soffermarci una volta di più a riflettere sull’orrore dell’Olocausto, la cui realtà oltre ad essere complessa e intricata è per qualità e dimensioni qualcosa di inaudito perché contiene un messaggio di distruzione. Comprendere tale realtà è un compito immenso ma siamo convinti che sia importante cercare di “comprendere senza giustifi care” per mantenere sempre vivo e lacerante il ricordo contro l’oblio che si può determinare dato che le esperienze vissute nei lager sono per le generazioni odierne lontane, sfumate, fanno parte della “storia” e il concetto di storia rimanda sempre ad un tempo che è appunto passato. In particolare nella nostra società in cui tutto scorre velocemente e freneticamente come in un videoclip non ci si ferma a rifl ettere, il nostro tentativo è quello di dare ancora una volta voce a chi ha vissuto quella terribile esperienza. La letteratura sull’olocausto è sterminata proprio per il desiderio dei pochi superstiti di raccontare e ricordare perché ciò che è stato, anche se appartiene al passato, deve essere ben vivo dentro in ognuno di noi al fi ne di evitare che si ripresenti.

Abbiamo quindi deciso di portare in teatro la memoria della Shoah sotto forma di uno spettacolo diffi cile da defi nire se non come un viaggio d’Arte fi glio di diverse arti espressive quali la recitazione, la danza, il canto, il cinema.
La regia di Enzo Rapisarda si serve di autori illustri tra i quali: Primo Levi, Etty Hillesum, Edith Stein, ecc.

“Cuori Pensanti della Shoah” è stato realizzato con l’intento di sfuggire all’oblio.


Interpreti :

Enzo Rapisarda;
Alberto Latta;
Rita Vivaldi;
Emily Pigozzi;
Roberta Lorenzoni;
Giorgia Ardielli;
Mario Santagati;
Domenico Veraldi;

Staff :

Direttore di Scena:
Sergiu Petric;
Scenografia:
Laboratorio N.C.T.
Direzione luci e suono:
Marin Bulmez
Costumi:
Laboratorio N.C.T.
Regia:
Enzo Rapisarda
Produzione e messa in scena:
Nuova Compagnia Teatrale

Torna su